Si trattiene il respiro, un brivido scuote il corpo,
il silenzio del tempo che racconta leggende di un popolo lontano e di calendari precisi.

Il più rappresentativo, meglio conservato, suggestivo e misterioso tempio a pozzo nuragico della Sardegna.
È la massima espressione architettonica di una civiltà, quella nuragica, risalente a 3.500 anni fa.
Un simbolo, quello dell’acqua, che arriva da molto lontano.

Di una cosa siamo certi, questo era un luogo speciale.

 

SCOPRILO IN TUTTA LA SUA STRAORDINARIA BELLEZZA

Eventi Unici, Incredibili, Straordinari

EQUINOZI MARZO/SETTEMBRE

Nel mese di settembre (dal 21 al 23 alle ore 12.00), e di marzo (dal 18 al 21 alle ore 11.00), in occasione degli equinozi
il sole illumina perfettamente il fondo del pozzo 
sino a toccare l’acqua passando per il vano scale.

LUNISTIZIO MAGGIORE

Ogni 18,6 anni, in periodo di lunistizio maggiore,
la luce della luna raggiunge lo specchio d’acqua
riflettendosi perpendicolarmente
attraverso il foro 
del diametro di circa 30 cm della camera a tholos.

 

C’È MOLTO DI PIÙ

Percorrendo un sentiero ben definito, troviamo diversi insediamenti risalenti ad epoche diverse, dei quali fa parte il villaggio nuragico, dal quale emerge il nuraghe monotorre. Ma prima di arrivare al villaggio nuragico ci si imbatte nel villaggio cristiano composto da bellissimi muristenes (case di pellegrinaggio per le novene) che fanno da cornice al grande piazzale del novenario.

POZZO SACRO

La Magia, il Mistero, l’Energia

SCOPRILO

VILLAGGIO CRISTIANO

Fede, Sacralità, Leggende

SCOPRILO

VILLAGGIO NURAGICO

Fascino, Storia, Cultura

SCOPRILO

 

SEI PRONTO A VISITARLO?

Acquista il tuo biglietto online in pochi clic!

LE OPINIONI DI CHI L'HA GIÀ VISITATO

Posto MAGNIFICO.. sembra quasi di tornare indietro nel tempo e di sentire la presenza delle persone che hanno vissuto in quel epoca. Lo consiglio a tutti


Gabriella Deiana / Facebook

Incredibile il pozzo sacro, ma un po’ tutto il sito è molto interessante oltre che ben gestito. Il fiore all’occhiello è sicuramente il pozzo sacro: inimmaginabile la perfezione della tecnica costruttiva per quei tempi. Un luogo misterioso e davvero affascinante.

Antony / Tripadvisor

Esperienza emozionante. In particolare il pozzo e la sua storia, raccontata con passione e competenza dalla guida, hanno lasciato emozioni difficili da descrivere. Complimenti e grazie.



Enzo / Tripadvisor

Imperdibile
Un’area unica per la qualità dello stato di conservazione.
Immerso in un bosco bellissimo è possibile visitare il pozzo di Santa Cristina e l’area nuragica.
Ben conservato e di grande impatto emotivo e spirituale.
Da visitare

Alina / Tripadvisor

 

SEI PRONTO A VISITARLO?

Acquista il tuo biglietto online in pochi clic!

Seguici su Instagram

🔴 OGGI È UN GIORNO SPECIALE
⠀
Siamo felici annunciare la scelta dei nuovi loghi che da oggi identificheranno il Parco Archeologico di Santa Cristina e il Museo Etnografico Palazzo Atzori
⠀
Ma non solo, finalmente da oggi sono online anche i nuovi siti web!
⠀
LINK IN BIO!
⠀
🔴 Ma nel frattempo ci teniamo a ringraziare e omaggiare tutte le persone che hanno deciso di partecipare alla “chiamata alle idee” sulla creazione dei loghi relativi al Pozzo Sacro di Santa Cristina e al Museo Palazzo Atzori.
⠀
È stato favoloso constatare tanta partecipazione.
Tante sono le idee che ci hanno colpito positivamente, ma il preferito poteva essere uno solo.
⠀
A tutti i partecipanti vanno i nostri più sinceri ringraziamenti e la nostra stima per aver preso parte all’operazione e per aver messo il vostro lavoro e la vostra creatività al servizio di uno dei patrimoni più preziosi della Sardegna.
L'autore dei loghi scelti è Luca Scarlatta @lo.sti.nspa.ce
⠀
▪ CONCEPT LOGO POZZO SACRO
⠀
Ho voluto sintetizzare i concetti esposti in un marchio che li racchiuda tutti nello stesso momento.
Questa fusione origina un segno grafico dal sapore arcaico ma moderno per stile e carattere, che vuole ricordare di cosa sono stati capaci i nostri antenati e che vuole trasmettere positività.
I cerchi concentrici rappresentano la precisione con cui il pozzo è stato costruito, il movimento dell’acqua dopo che una goccia l’ha raggiunta e quindi lo scorrere inesorabile del tempo.
Partendo dalla forma trapezoidale dell’ingresso del pozzo, si è rappresentata la scalinata, vero punto di accesso al “portale”.
Il tutto è stato racchiuso dalla traccia del themenos a serratura, raccogliendo un senso di unione, custode degli antichi racconti che questo luogo carico di mistero ed energia ha ancora da narrare.
🔴 OGGI È UN GIORNO SPECIALE ⠀ Siamo felici annunciare la scelta dei nuovi loghi che da oggi identificheranno il Parco Archeologico di Santa Cristina e il Museo Etnografico Palazzo Atzori ⠀ Ma non solo, finalmente da oggi sono online anche i nuovi siti web! ⠀ LINK IN BIO! ⠀ 🔴 Ma nel frattempo ci teniamo a ringraziare e omaggiare tutte le persone che hanno deciso di partecipare alla “chiamata alle idee” sulla creazione dei loghi relativi al Pozzo Sacro di Santa Cristina e al Museo Palazzo Atzori. ⠀ È stato favoloso constatare tanta partecipazione. Tante sono le idee che ci hanno colpito positivamente, ma il preferito poteva essere uno solo. ⠀ A tutti i partecipanti vanno i nostri più sinceri ringraziamenti e la nostra stima per aver preso parte all’operazione e per aver messo il vostro lavoro e la vostra creatività al servizio di uno dei patrimoni più preziosi della Sardegna. L'autore dei loghi scelti è Luca Scarlatta @lo.sti.nspa.ce ⠀ ▪ CONCEPT LOGO POZZO SACRO ⠀ Ho voluto sintetizzare i concetti esposti in un marchio che li racchiuda tutti nello stesso momento.
Questa fusione origina un segno grafico dal sapore arcaico ma moderno per stile e carattere, che vuole ricordare di cosa sono stati capaci i nostri antenati e che vuole trasmettere positività.
I cerchi concentrici rappresentano la precisione con cui il pozzo è stato costruito, il movimento dell’acqua dopo che una goccia l’ha raggiunta e quindi lo scorrere inesorabile del tempo.
Partendo dalla forma trapezoidale dell’ingresso del pozzo, si è rappresentata la scalinata, vero punto di accesso al “portale”.
Il tutto è stato racchiuso dalla traccia del themenos a serratura, raccogliendo un senso di unione, custode degli antichi racconti che questo luogo carico di mistero ed energia ha ancora da narrare.